Melody Maker(s)

home    message    submit    archive    theme
©
Melody Maker(s), nasce nell'Ottobre del 2011 dalla testardaggine di un promoter (Rap-One), un dj (Blaster T.) e un giovane cresciuto a pane e Brit-Pop (Paolo Alberto Sciacca). Unisce tre generazioni e riempe il vuoto di serate con le stesse playlist, che si ripetono in un tragico infinito. Sono un successo, i Giovedì notte del Velvet (negli anni '80 Yokese) con i suoni che nessuno osa proporre, diventano culto e le pareti tremano. Melody si espande in città, le Fred Perry, i Parka, le Dr. Martens, le Clarks, etc. sono i codici, fieramente “working class”. Un filo rosso lega le periferie post-industriali con Torino e la fine della Fiat. Viene adottata la bandiera inglese, personalizzata e messa sempre in vista sulla consolle. La città risuona a colpi di “sole chitarre”, nascono quindi sinergie interessanti con i ragazzi di Reset! Festival, che tanto fanno per la musica live, che ospitano i dj set di Melody all'interno del loro festival (al Bunker) ed al Cantiere 25 (ex Artintown). Con spirito itinerante metropolitano vengono toccati: il Blah Blah con un capodanno entrato nella leggenda, le Lavanderie Ramone e l'Imbarco Perosino. Un continuo lavoro di ricerca, non fermo solo ai '90s e '80s, premendo il piede sull'acceleratore anche negli anni "00". Dai MENSWEAR ai KASABIAN, passando per i GENE e i The XX, fino ai BIS e agli ARCTIC MONKEYS, con sconfinamenti anche in territori americani. Tutto questo senza mai dimenticare la fatidica domanda, “tu tifi OASIS o BLUR?”. Melody tifa entrambi e, particolare non da poco, anche il TORO, sempre “contro il calcio moderno”. In consolle c'è sempre dj Blaster T. Molti in ambito rock e in alcuni casi non solo, sono cresciuti con lui, nel Sabato notte al Da Giau di Torino negli anni '90, prima con Giuppi che poi si spostò al Barrumba e poi con lui che subentrò al Da Giau nei primi anni '90.

Il nome Melody Maker(s) è un piccolo omaggio allo storico settimanale musicale britannico, il più antico al mondo, che fino al 2000, gareggiava con la concorrente NME (New Musical Express). I “rivali” NME e Melody Maker si fusero insieme nel 2000. I ricordi su entrambe le riviste rimangono indelebili.